Crea sito

Il giornalino dell'Agnesi - questa volta online

Caduta Libera: la storia di Ilaria

Caduta Libera: la storia di Ilaria

Intervista di Chiara Cencig

Milioni di persone in tutta Italia seguono la sera all’ora di cena Caduta Libera, il gameshow di Canale 5 condotto da Gerry Scotti. Perché non approfittare e dunque chiedere a una concorrente della sua esperienza? Ilaria, 20 anni, studentessa di medicina in inglese a Torino, apparsa nel programma dal 21 al 25 ottobre… tra le altre cose, mia amica.

-Perché hai deciso di partecipare a Caduta Libera?

Ho seguito il programma in tv quasi ogni sera per mesi, era diventata una tradizione rientrare dall’università e cenare con la TV in sottofondo. Mi sono appassionata guardando le puntate con protagonista Nicolò, che è ancora oggi il campione che ha vinto di più in assoluto nella storia del programma. A volte lui non riusciva a rispondere a domande a cui io trovavo subito la soluzione, perciò mi sono detta perché non provarci anch’io?

-Nel caso in cui tu avessi vinto una somma vergognosamente alta, cosa avresti fatto?

Mi sarei tolta immediatamente qualche sfizio, ci sono un paio di posti nel mondo che vorrei tantissimo visitare quindi una parte dei soldi l’avrei dedicata ai viaggi, poi li avrei usati anche per finanziare l’università e non dover dipendere dai miei genitori.

-Qual è la cosa che ti ha colpito di più negli studi di Canale 5?

Mi ha lasciata veramente sbalordita la cortesia e la gentilezza di tutto lo staff della produzione, facevano del loro meglio per far sentire tutti i partecipanti a loro agio, e inoltre la loro professionalità.


-Quanto durano le riprese?

Le puntate vengono registrate tre alla volta in un giorno, il tutto dura alcune settimane per ogni stagione del programma.

-Tu eri presente durante la caduta del campione in carica da diverse settimane, come è stata vissuta la cosa da te e dagli altri concorrenti?

Devo dirti la verità, quando è caduto abbiamo tirato tutti un sospiro di sollievo perché era da davvero tanto tempo che cercavamo di buttarlo giù, più tempo passi in quegli studi e più sale lo spirito di competizione… Alla fine della puntata abbiamo fatto festa e fatto i complimenti a Federica, la concorrente che l’ha messo più in difficoltà, ma ovviamente ci siamo congratulati anche con lui in maniera sportiva, dopotutto se è riuscito a resistere così tanto è grazie alle sue capacità.

-Consiglieresti ad altre persone e altri studenti di partecipare?

Assolutamente sì! È stata una bellissima esperienza, un bel ricordo da conservare, se qualcuno vuole mettersi in gioco e testare le sue capacità io consiglio di buttarsi e provare!

-Infine, come hai detto nel programma, sei cresciuta guardando i programmi televisivi condotti da Gerry Scotti. Com’è stato incontrarlo dal vivo?

Quando abbiamo iniziato a girare la mia prima puntata ero molto nervosa e ancora non riuscivo a realizzare bene di essere davvero lì, poi lui è salito sul palco ed è stato bellissimo, è bravo e simpatico proprio come si vede in TV, scherza con tutti e ti mette a tuo agio in modo che anche se parti con un po’ di nervosismo riesci a scioglierti e ad essere naturale. Per non parlare di quando mi ha abbracciata, non ci volevo credere, sono rimasta su di giri per tutto il giorno!